Percezioni di se’

In uno dei pochi Ferragosto “free”, dopo anni in villaggio passati a lavorare, mi sono concessa un week-end lungo completamente in solitaria.

Io, Bukowski, le cuffiette e un po’ di musica rilassante nelle orecchie.

Probabilmente avevo bisogno di un paio di giorni cosi’, mi sono rigenerata e ho avuto modo di pensare tanto alla mia situazione perennemente mutevole.

Quanto io sia cambiata nel corso di questi anni e’ allucinante, se ripenso a tutte le cose che mi sono capitate, che ho vissuto, mi gira la testa (come sempre quando ripenso al passato e, sopratutto al futuro.)

Un tempo pensavo che la mia vita sarebbe stata totalmente rivolta all’arte, credevo di essere una grande Artista, chiudevo gli occhi e mi vedevo seduta su un terrazzo intenta a scrivere tutto cio’ che mi frullava per la testa, tutte le milioni di storie che mi hanno accompagnato durante l’infanzia e l’adolescenza, di fronte a me il mare e il tramonto. Null’altro.

Poi, mi vedevo come una grande fotografa all’interno della rivista di moda Flair. Poi mi sono resa conto che il mondo della moda mi fa cagare e che non sarei mai stata in grado di leccare il culo a nessuno per vedere una mia fotografia sulla copertina di Luglio.

Mi sono anche resa conto che ho bisogno dell’arte nella mia vita, ma allo stesso tempo, rispetto a quando ero piccola e mi ritrovavo a scrivere sui miei diari e sul mio vecchio computer fisso milioni di parole, adesso ho paura.

Ogni volta che scrivo qualcosa, un pezzo di me mi abbandona e rimane impresso a vita su quel foglio. Non so se mi piace questa sensazione.

Pensavo di essere una persona decisa, una di quelle che rimane fissa sulle proprie idee e, invece, mi sono ritrovata a fare cose a cui dicevo: “io non  le faro’ mai”.

Volevo vivere d’arte e mi ritrovo a studiare comunicazione, i modi migliori per indicizzare siti e pagine social, le cose migliori da scrivere per ottenere “like” e “followers” e il momento migliore per postarle.

Volevo far innamorare milioni di persone con le mie parole, con le mie fotografie, strappare sorrisi e lacrime. Ora mi ritrovo a selezionare personale e a studiarne i piu’ piccoli movimenti del corpo per capire, in pochi istanti, che tipo di persone siano.

L’arte in tutto questo c’entra poco o nulla.

Il mio blog, quello e’ rimasto fuori da tutto questo, non c’e’ SEO che tenga, non ci sono parole chiave da utilizzare per ottenere maggiore visibilita’, non scrivo tutorial per avere maggiori “mi piace”. Questo blog e’ rimasta la parte autentica di me, l’unica cosa rimasta di tutto cio’ che volevo diventare.

Ma sono felice. Quello sempre.

Tutto cio’ che faccio e’ frutto di cio’ che ho desiderato e desidero ardentemente.

Volevo viaggiare e fotografare e l’ho fatto per 5 anni.

Volevo scrivere per sentirmi piu’ leggera, e in qualche modo continuo a farlo.

Volevo trasferirmi, andare a vivere da sola e trovare un lavoro che impiegasse il mio cervello e le mie doti organizzative, e l’ho fatto.

Volevo lavorare nel settore delle risorse umane, organizzare tutto, per tenere sotto controllo la mia mania/ossessione d’ordine nella vita quotidiana, e l’ho fatto.

Volevo studiare comunicazione e usare le mie capacita’ informatiche per affacciarmi ad una nuvoa figura professionale, e lo sto facendo.

Sono mutevole. Sono tremendamente complessa, sono follemente innamorata della vita e di tutto cio’ che e’ novita’.

Sono quella che inizia ad appassionarsi ad una cosa, la desidera follemente, studia, lavora sodo per ottenerla e poi, una volta ottenuta, guarda avanti e dice: “Ma guarda! Potrei interessarmi a questo, adesso!”.

Una volta mi dissero:

“Sei perennemente in cerca della novita’, te sei ASSETTATA di novita’. E’ cio’ che ti fa’ sentire viva, ma poi non puoi lamentarti se non trovi un po’ di stabilita’.”

Ah, se e’ vero!

Ma sono mutevole anche in questo, mi lamento, frigno e desidero un po’ di tranquillita’, un po’ di normalita’.

Una volta ottenuta… Eccomi di nuovo li, che penso a cosa potrei fare di nuovo per tornare a sentire la solita morsa allo stomaco di ansia che tanto amo ed odio allo stesso tempo.

Follemente, artisticamente, “organizzativamente” me, incasinata ed ordinata come i rami degli alberi.

Non ha senso cio’ che scrivo, i miei prof. si incazzerebbero come iene leggendo questo post, non c’e’ indicizzazione, non c’e’ SEO, il contenuto e’ personale e non attirerebbe mai lettori.

Ma non mi importa. Di tutto cio’ che volevo diventare questo blog e’ l’unica cosa rimasta e proteggero’ questa piccola parte di me, sempre.

 

Annunci

4 Comments Add yours

  1. Wapuna ha detto:

    Inutile dire che in queste parole mi ci ritrovo tantissimo… Ma lo dico lo stesso! Follemente innamorata della vita e della novità, mi sembra di sentire me stessa, e le persone accanto che me lo ripetono quando dico che vorrei fare tutto, approfondire tutto, e che una vita solo è troppo corta. Alla fine gli artisti sono questo 😉 e i pazzi… Si, i pazzi che generano cose meravigliose :). Un bacione grande!

    Mi piace

    1. Kayrouge ha detto:

      Un bacio a te :*
      Probabilmente saremo destinate a vivere una vita in perenne movimento senza conoscere mai un po’ di stabilita’, ma allo stesso tempo abbiamo la fortuna di essere quelle che siamo!

      Mi piace

  2. lauryn77 ha detto:

    La Seo serve per raggiungere obbiettivi aziendali, un blog personale non ne ha se non quello di condividere, per cui perché dovresti metterti a pensare alla Seo?
    Invece ti ringrazio per aver condiviso perché mi hai fatto entrare nella tua testa. Sto scrivendo un romanzo, la protagonista sta vivendo il tuo stesso cambiamento e mi sei stata di profonda ispirazione. Grazie. Ti Citerò nei ringraziamenti se lo finisco! 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Kayrouge ha detto:

      Grazie per il tuo commento, hai ragione ed infatti quando apro il mio blog dimentico qualsiasi regola studiata e butto fuori tutto cio’ che sento senza farmi troppi problemi di chi leggera’ o se cio’ che scrivo possa o meno interessare altre persone.
      Sono felice di sapere che ti sono stata utile, ti auguro tanta fortuna per il tuo libro e saro’ ben lieta di leggerlo 🙂
      Un bacio

      Liked by 1 persona

Dimmi cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...